Casella 58: la Morte dell┬┤Imperatore.
Bicentenario 1821-2021

Indice mostra

Home page
QUADRO 68

"L'Imperatore Napoleone Bonaparte nel suo Studio alle Tuileries". Olio su tela, (seconda versione), Jacques-Louis David (1748 ľ 1825), 204X125cm, 1812/24. Versailles.


Questa seconda versione del dipinto venne realizzato da David con un colore leggermente pi¨ verde nell'uniforme, pi¨ simile a quella dei "chasseurs Ó cheval" ed entr˛ a far parte della collezione del principe Luigi Napoleone Bonaparte e dal 1979 Ŕ conservata presso la reggia di Versailles. Il dipinto Ŕ un ritratto alla francese di grandi dimensioni, rappresentante Napoleone a grandezza naturale, in piedi. Porta l'uniforme da ufficiale dei granatieri a piedi, blu foderata di bianco con le maniche rosse, con un gilet bianco, decorato delle decorazioni imperiali della Legion d'onore e dell'Ordine della Corona ferrea oltre a due spalline dorate. Indossa una culotte alla francese di colore bianco, oltre a due scarpe nere con fibbie oro. La figura Ŕ presentata di tre quarti, con una gamba posta in avanti, il viso rivolto verso lo spettatore, la mano destra nascosta sotto il gilet. Tra i mobili presenti nello studio si riconosce una sedia con una spada appoggiata. La scrivania Ŕ di stile imperiale, coi piedi scolpiti a rappresentare la testa di un leone. Tra le sue carte si trova uno scritto dove si legge la parola "CODE" in riferimento appunto al codice legislativo napoleonico. Il pavimento Ŕ ricoperto da un tappeto verde sul quale si trovano altri fogli arrotolati, sul primo dei quali si legge la firma del pittore LVDci DAVID OPVS 1812. In secondo piano si trova un grande pendolo che indica le quattro e dieci. Questa seconda versione differisce per l'uniforme che Ŕ appunto quella dei cacciatori a cavallo della guardia e per l'orologio che segna le quattro precise.
-"L'Imperatore Napoleone Bonaparte(Wikipedia)
Immagine precedente




"MAGGIO NAPOLEONICO 2021 - ISOLA D'ELBA - LIVORNO"
MOSTRA
"Casella 58: la Morte dell'Imperatore"

Bicentenario 1821 - 2021
a cura di Luigi Ciompi. Webmaster: Massimo Di Quirico
Immagine successiva